Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

Storytelling con Scratch

storytelling

di Andrea Patassini

Attorno uno strumento come Scratch è possibile costruire tantissime attività differenti tra loro. Solitamente quando ci si approccia ad un’opportunità simile la prima considerazione che emerge è quella del suo (più che valido) contributo ad apprendere i concetti del pensiero computazionale. Ed è vero, l’apporto di Scratch a comprendere il linguaggio per programmare una macchina è immediatamente individuabile ed è, di fatto, l’obiettivo principale nello sviluppo del software. Ma è altrettanto vero che alla base di un’applicazione simile c’è la possibilità di creare contenuti e quindi di avere margini creativi enormi. Insomma, Scratch può essere adottato per scopi differenti e integrato in molteplici attività.

Una delle possibilità da esplorare in Scratch è quella dello storytelling: costruire storie attorno un tema specifico per mettere a fuoco alcuni concetti, non appesentire il carico cognitivo e rendere ovviamente più interessante ciò che si sta studiando. Lo storytelling può adattarsi perfettamente in un progetto didattico. Ti chiederai: ok, ma Scratch cosa caspita c’entra? Provo a darti qualche idea in più e soprattutto a fornirti, subito dopo, un supporto operativo.

Scratch di fatto è uno strumento capace di produrre contenuti, quindi può perfettamente essere utilizzato per delle attività didattiche che sappiano far uso dello storytelling. La presenza di oggetti (chiamati sprite), di scenari e in principal modo di azioni da costruire e affidare agli oggetti stessi garantisce ampi margini di creatività dal punto di vista narrativo. Attenzione, lo storytelling alla didattica non fa rima solamente con le materie umanistiche, ma trova piena sintonia con tutte le discipline. Di fatto lo storytelling è una strategia didattica facilmente formulabile in ogni contesto disciplinare.

scratch_chimica

Qualche esempio? Pensiamo ad una poesia riformulata attraverso illustrazioni rappresentate con Scratch. La trasposizione in Scratch di un frammento di qualche storia o romanzo che si vuole proporre per la didattica. E poi, perché no, provare a raccontare un problema di matematica o, in questo esempio, le particelle di cloro e sodio. Altro contributo, già citato su questo blog, è quello dedicato alla musica e più in particolare al canto gregoriano. Qui invece un progetto Scratch dedicato a Il Mastino dei Baskerville di Conan Doyle, mentre questo è dedicato ad un racconto di Gogol. Una riflessione interessante sulle potenzialità di Scratch (che vanno oltre la sola possibilità di apprendere i concetti del coding) provengono dal sito Bambini che imparano a programmare curato da Alessandro Rabbone, maestro di scuola elementare. In un suo post Rabbone descrive Scratch come un ambiente educativo capace di valorizzare la creatività dei bambini e, aspetto per nulla secondario, favorire meccanismi collaborativi grazie alla possibilità di copiare, remixare e confrontarsi sui contenuti realizzati.

scratch_storytelling

Ma torniamo allo storytelling praticato con Scratch. Da dove inziare? Senza dubbio l’idea di mettere a punto uno storyboard, e quindi di progettare cosa si vuole raccontare, può essere un ottimo esercizio per avvincarsi ai concetti e alle pratiche del racconto e allo stesso tempo un importante supporto alla fase successiva, quella operativa. Ed è proprio pensando alla fase operativa che alcune delle risorse che seguono potrebbero rivelarsi utili per progettare delle attività didattiche orientate allo storytelling attraverso Scratch. Sono piccoli supporti utili a comprendere, nel merito, alcuni dei possibili strumenti da adottare in Scratch per raccontare contenuti. Si tratta del lavoro di Karen Brennan condiviso su ScratchED, piattaforma dedicata ad insegnanti e formatori che adottano Scratch nelle loro attività didattiche e che condividono le esperienze e i materiali realizzati. Le risorse in lingua inglese sono suddivise per pratiche differenti di narrazione e sono composte dal progetto Scratch da scaricare (per comprendere quali blocchi sono stati associati agli sprite) e un documento in formato pdf che riassume l’attività e le tipologie di blocchi adottati. Li trovi qui sotto:

Presentazioni: progetto Scratchdocumento pdf

Conversazioni: progetto Scratchdocumento pdf

Il generatore di storie: progetto Scratchdocumento pdf

Passeggiare nel mondo: progetto Scratchdocumento pdf

Queste risorse non vanno interpretate come contenuti finiti, ma come spunti per ideare nuove attività o inviti a remixare e quindi modificare, alterare e personalizzare i contenuti da parte di studenti e insegnanti.

Informazioni su andreapatassini

Andrea Patassini detto Patassa si occupa di tecnologie per l'apprendimento, e-learning, coding e pensiero computazionale. Appassionato di fumetti (in tutte le salse), deve capire come far entrare in libreria tutti i numeri del Topo.

7 commenti su “Storytelling con Scratch

  1. lamaestramanu
    16 novembre 2014

    L’ha ribloggato su lamaestramanu.

  2. angela mirto
    12 marzo 2015

    Ciao: molto interessante! Puoi controllare i link del progetto scratch? Non funzionano😦

  3. ltaonline
    16 marzo 2015

    Ciao Angela. purtroppo sono stati eliminati i link. Proveremo a ripristinare i corretti collegamenti cercando la nuova url. Grazie mille per la segnalazione.

  4. ltaonline
    16 marzo 2015

    Angela, siamo riusciti a rintracciare questo link, ci sono molte delle risorse indicate nel post riguardo a Scratch e lo storytelling http://scratched.gse.harvard.edu/resources/story-time

  5. fbartoli
    1 agosto 2015

    L’ha ribloggato su fbartoli_TrainingSpace.

  6. Augusto Chioccariello
    18 febbraio 2016

    Molti lavori di Karen Brennan e del suo gruppo sono raccolti nella “Creative Computing Guide” che si può scaricare al seguente indirizzo:
    http://scratched.gse.harvard.edu/guide/download.html

    Le attività per la creazione di storie interattive sono nel capitolo 3 (pag. 55-69)

  7. Pingback: Storytelling con Scratch | Amica Tecnologia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 novembre 2014 da in Uncategorized con tag , , , , , , , , .

La nostra pagina Facebook

Il nostro sito ufficiale

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: