Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

Infografica a scuola: consigli e qualche dritta

creativity

di Andrea Patassini

L’esplosione delle infografiche nel giornalismo non è cosa recente. Già da tempo infatti chi si occupa di informazione adotta forme grafiche per riassumere e meglio rappresentare dati e contenuti da divulgare. Le infografiche sono uno strumento utile e creativo capace di sintetizzare o meglio esprimere non solo dati, ma anche concetti e pensieri. Grazie all’uso di immagini, oggetti grafici, testi e un pizzico di creatività, si possono realizzare contenuti utili e divertenti. Già da qualche tempo si parla dell’adozione di questi strumenti per la didattica ed effettivamente le caratteristiche delle infografiche possono contribuire a migliorare ancor di più i processi di apprendimento che intendiamo mettere in gioco.

Rendere visivi i concetti

Perché far uso di infografiche per la didattica? Innanzitutto c’è da considerare la natura delle infografiche: nascono e crescono in un contesto digitale. Certo, il design grafico ha origini “analogiche”, ma la grande diffusione di infografiche adottate per raccontare, approfondire e spiegare determinate tematiche o concetti, trova piena fioritura proprio con il digitale e notevole diffusione nel web. Così possiamo pensare alle infografiche come un agevole ed utile supporto in contesti didattici dove il digitale fa la sua parte. La forza delle infografiche sta nella loro capacità di rendere visivi concetti, questo non solo rende più accessibile e agevole la comprensione, ma fa leva sulla forza delle immagini come mezzo di trasmissione del sapere. Certo, in una scuola dove la scrittura (e non sempre quella digitale) è tutt’oggi l’asse portante dei saperi, le immagini rischiano di essere circoscritte ad un ruolo marginale, a volte aggiuntivo difficilmente individuabile al centro di una progettazione didattica. Le infografiche non sono solo immagini, è vero, ma senza dubbio è grazie alle immagini che riescono ad ottenere quell’immediatezza che coinvolge profondamente chi ne fruisce.

Infografica di

Infografica di Sonos

Non sintesi, ma invito all’approfondimento

A breve scopriremo che realizzare dal punto di vista tecnico delle infografiche oggi non è poi così complicato. Ma prima di arrivare ad alcuni consigli di natura tecnica, è bene soffermarci brevemente su quali sono i passaggi fondamentali per l’ideazione di una infografica. Come accennavo poco prima, le infografiche sono strumenti utilissimi se si è alla ricerca di contenuti capaci di sintetizzare determinati argomenti e concetti. Attraverso un lavoro di sintesi vanno individuate le informazioni principali così da aver chiaro cosa intendiamo esprimere e comunicare attraverso un’infografica. Questo probabilmente è il lavoro più importante perché definisce le capacità di sintesi di una infografica. Attenzione: uno strumento come questo nella didattica non va inteso come un “bignami in chiave grafica”, bensì un invito all’approfondimento attraverso la disposizione di contenuti testuali e grafici. Ad esempio l’infografica può funzionare molto bene per fare il punto della situazione, ovvero una sintesi che ripercorre visivamente i diversi elementi toccati durante l’azione didattica. E ancora, l’infografica funziona molto bene per evidenziare gli elementi focali di un tema o per ripercorrere in chiave storica una cronologia importante che merita di essere approfondita. Infine le infografiche possono essere un terreno comune da condividere con gli studenti proprio perché questi mostrano un rapporto profondo, quotidiano e immersivo con le immagini per via dei diversi media che frequentano e nei quali le immagini assumono una forma comunicativa fondamentale.

Infografica di

Infografica di Halfblog

Qualche consiglio

Detto ciò, come si possono realizzare infografiche? Al di là delle vere e proprie competenze tecniche e tecnologiche, c’è bisogno di un pizzico di creatività nel saper mettere a punto contenuti simili. Se si conoscono i rudimenti di software dedicati alla grafica come Photoshop e Illustrator o di Gimp e Inkscape, le alternative open source, si è a buon punto perché sarà possibile dar fondo alla propria creatività. A tal proposito eccovi una ricchissima raccolta di elementi grafici disponibili da utlizzare con i software qui sopra indicati.

Se non avete alcuna conoscenza di software dedicati alla grafica non vi scoraggiate, esistono altre e interessantissime soluzioni per realizzare infografiche in modo creativo e immediato. StatPlanet è un sito che raccoglie innumerevoli dati e statistiche dedicati ai più differenti temi e disposti visivamente a seconda delle aree geografiche interessate. StatPlanet può essere scaricato gratuitamente ed utilizzato sul proprio computer, questo ne facilita l’uso nella didattica.

Un altro spazio di rete ricco di infografiche è Visual.ly che raccoglie moltissime risorse e dedicate a differenti tematiche. Le infografiche sono organizzate in categorie, possono essere risorse utili da adottare ed integrare nella didattica.

Si possono realizzare infografiche anche con Power Point, basta seguire qualche piccolo trucco e il gioco è fatto. Per saperne di più vi segnalo qualche consiglio da chi utilizza il software di Microsoft per ottenere delle infografiche creative ed utili.

Con Infogr.am è possibile creare in modo gratuito e intuitivo notevoli infografiche accurate nei dettagli grafici e ricche di combinazioni da poter sperimentare. Questa è una delle soluzioni migliori se si vuole provare a realizzare infografiche creative e allo stesso complesse ma non si hanno competenze tecniche. Segnalo anche un video tutorial dedicato ad Infogr.am e al suo utilizzo.

Infine per chi volesse realizzare tag cloud, ovvero nuvole di parole generate da testi, c’è Wordle che offre tantissime soluzioni grafiche.

Un commento su “Infografica a scuola: consigli e qualche dritta

  1. elisa
    16 dicembre 2013

    L’infografica permea sempre più il mondo della comunicazione e dell’informazione. Per introdurre ai processi e alle tecniche redazionali di base impiegati per la produzione didatiorgrafiche, la Fondazione Ahref ha organizzato il corso “Fondamenti di visualizzazione dei dati e infografica ”.

    Termine nato dalla crasi di “information” (informazione) e “graphic” (grafica), l’infografica è l’informazione proiettata in forma più grafica e visuale che testuale. Vi rientrano mappe, grafici, diagrammi, illustrazioni tecniche utilizzabili in molteplici contesti e con finalità comunicative eterogenee.Il primo antenato della moderna infografica è la cartografia, pratica che anticipa di parecchi millenni la scrittura, risalente a più di 7 mila anni avanti Cristo. Dalla metà del Mille il fenomeno subisce un’accelerazione, in ambito astronomico, economico, statistico, matematico. Nel 1861 Charles Joseph Minard, attraverso un grafico seminale , riesce a rappresentare graficamente in maniera efficace e immediata la disastrosa marcia su Mosca di Napoleone.

    Negli ultimi anni, con l’evoluzione tecnologica e la crescita della mole di dati analizzabili, anche l’inforgrafica ha subito un’accelerazione esponenziale. Grafici e mappe, diagrammi e animazioni per rappresentare informazioni e raccontare storie sono sempre più all’ordine del giorno, tanto sui quotidiani, quanto sul web. Trovo l infografia importante in quanto oltre a schematizzare le informazioni,rappresenta parte del lavoro a cui i nostri occhi sono sottoposti quando ci troviamo a leggere con gli e book.Ci evidenzia le informazioni piu importanti attraversi sistemi,liste,font,link,velocizzando il nostro lavoro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 13 dicembre 2013 da in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , .

La nostra pagina Facebook

Il nostro sito ufficiale

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: