Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

Tutti editori? Noi ci siamo

di Roberto Maragliano
“Il digitale è un detonatore che sta cambiando tutte le regole di accesso, produzione e distribuzione dei contenuti. Da un lato termini di marketing (come 
brand content marketing) cominciano a descrivere la semplice realtà della presenza in rete. Esserci, semplicemente esserci (da blogger, azienda, giornalista o editore, persino da scrittore), significa tenerne conto. E forse non è più nemmeno marketing, ma semplice routine di rete, una logica di equilibri di un ecosistema che sta caratterizzando il nostro rapporto con informazione e conoscenza. Dall’altro, «esserci attraverso i contenuti» obbliga tutti (dall’individuo all’organizzazione) a ragionare da editori e a entrare nel grande gioco della conquista di un po’ di attenzione.”

Così, proprio oggi, scrive Giuseppe Granieri sul suo blog con un post significativamente titolato Siamo tutti editori.

Potevamo non esserci, noi del Laboratorio di Tecnologie Audiovisive, che da due decenni operiamo dentro la zona di produzione e ricerca che vede la confluenza di pedagogia, comunicazione, tecnologia?
Risposta scontata.Perché di fatto noi di LTA già ci siamo, nella logica del “siamo tutti editori”, espressione d’impatto, ma anche raffinata per indicare il lato pubblico del fenomeno del self publishing.

Ci siamo perché
– pensiamo che sia compito dell’Università sperimentare e proporre modelli, sia sul piano culturale sia su quello tecnico,
– ci auguriamo così di aiutare gli insegnanti della scuola ad entrare senza timori e senza aggravio di spesa nel digitale, anche per esigenze e usi personali.

Ci siamo per le ragioni politiche di cui  s’è detto qui, pochi giorni fa, miranti a rinforzare la scelta di includere la scuola nelle misure per l’agenda digitale.

Ci siamo
– con la collana  #graffi, destinata a pubblicare testi originali in sola versione digitale, al prezzo di € 2,99 ciascuno,
– con scelta di editare noi stessi la collana, curandone non solo i testi ma anche tutto quanto riguarda allestimento, impaginazione, grafica, illustrazioni,
– fruendo, come ogni adepto del self publishing può fare, del supporto di Narcissus.me, cioè della garanzia che gli ebook siano distribuiti in tutte le principali librerie online e nei diversi formati esistenti.

Ci siamo
– dal giugno scorso con l’ebook di Grazia Morra, Sentire le immagini. Percezioni della realtà nelle esperienze dei non vedenti,
– da oggi, con il mio ebook Adottare l’e-learning a scuola, versione arricchita e aggiornata di un testo sperimentale di due anni fa.

Cover_800_600

La nostra intenzione è di aiutare e sostenere tutti quelli che, per convinzione necessità curiosità sfida, sono disposti a saggiare il digitale e individuare lì idee suggestioni indicazioni per la didattica.

E se poi qualcuno ha problemi d’impatto con gli ebook, ecco qui tutto ciò che è utile sapere.

Annunci

Informazioni su Roberto Maragliano

Il Piccolo dizionario delle tecnologie audiovisive, scritto assieme a Benedetto Vertecchi, è del 1974. Da allora non ho smesso di occuparmi di quelle cose. Da persona che sta dentro il rapporto tra formazione e media, non sono le tecnologie che mi preoccupano, ma gli atteggiamenti superficiali di tanti nei confronti delle tecnologie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: