Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

Zefiro ritorna: tre volte

di Roberto Maragliano

Ascoltando questa Lezione di musica dedicata ai madrigali di Claudio Monteverdi mi sono chiesto se in una scuola effettivamente multimediale giocare e far giocare sui rapporti fra poesia e suono non sarebbe un bel modo per togliere polvere o muffa all’insegnamento letterario. Con buona pace della carta e del suo profumato costo.

Si prenda il caso di Zefiro torna, di Petrarca. Pensate e dite quello che volete ma è indubbio che una pagina manualistica classica come quella che trovate qui dà, del componimento, una rappresentazione asfittica e punitiva. Tutto è volto a togliergli sonorità. E sarà inevitabile, per l’allievo annoiato, chiedersi a che pro il poeta debba darsi tanto da fare se poi le cose che vuole comunicare sono così semplici e banali come quelle che documenta la versione in prosa riprodotta in nota (ma su cui, c’è da giurarci, verterà l’interrogazione).

Allora ben venga Monteverdi se, anch’egli liberato di ogni alone di disciplinarità (anche per non cadere dalla padella dei mancati critici letterari a quella dei mancati musicologi), aiuterà a capire che le parole suonano e che la musica, amplificandone l’identità acustica, svolge ad un tempo una funzione semantica e una estetica.

A questo punto, grazie a Monteverdi, si potrebbe tornare a Petrarca, ed eventualmente farlo leggere. Ovviamente a voce alta.

Utopia? No, c’è chi già lo fa, a scuola. Vedete qui.

Annunci

Informazioni su Roberto Maragliano

Il Piccolo dizionario delle tecnologie audiovisive, scritto assieme a Benedetto Vertecchi, è del 1974. Da allora non ho smesso di occuparmi di quelle cose. Da persona che sta dentro il rapporto tra formazione e media, non sono le tecnologie che mi preoccupano, ma gli atteggiamenti superficiali di tanti nei confronti delle tecnologie.

2 commenti su “Zefiro ritorna: tre volte

  1. Antprof
    23 ottobre 2013

    Grazie prof per il bel suggerimento, voglio postare un’attività fatta con i miei ragazzi di seconda media curiosi di Dante, anche se io sono tendenzialmente contraria alla letteratura precoce ….
    http://eroidiade.blogspot.it/2013/07/fatti-non-foste-viver-come-bruti.html?m=1

    • Roberto Maragliano
      23 ottobre 2013

      Grazie a lei. Sarebbe bello se con questo nostro blog riuscissimo anche a condividere esperienze correnti di didattica multimediale centrate su intrecci virtuosi di saperi e di media.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 22 ottobre 2013 da in Uncategorized con tag , , , , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: